di Josh Weikert su Beer Simple 

Ogni tanto leggo articoli e post di blog che dicono cose come: “Prova l’homebrewing!,” “Non mollare!,” o “Chiunque può fare la birra!”

Oggi vado contro corrente, solo per onestà intellettuale: forse non dovresti farti la birra.

Non iniziare.

Valuta di smettere.

Semplicemente perchè fare la birra non è per tutti – e non c’è nessuna vergogna ad ammettere che non fa per te.

Blow off eccessivo

BIRRA NON BUONA: NON E’ UNA RAGIONE PER MOLLARE

Una premessa: non sto rivolgendo questo consiglio a qualcuno solo sul presupposto che produca una birra non buona.

In questo caso i sopracitati articoli hanno ragione: se hai difficoltà a produrre birra che sia senza difetti e/o che ti piace bere, allora va bene. Siamo in grado di aiutarti.

Fare buona birra è in realtà abbastanza facile se si fanno bene le cose semplici.

Quindi, per favore, non pensare che questo sia una sorta di attacco contro i birrai che stanno lavorando per migliorare la loro birra fino a un livello accettabile, qualunque sia la loro definizione di “accettabile”.

Se è solo una questione di ottenere una birra più buona – non smettere. Resisti. Andrà meglio, te lo prometto.

Iscriviti ad un club di homebrewer, partecipa ai concorsi per ottenere un feedback obiettivo, rivedi e perfeziona il processo, etc.

L’AMORE PER IL PROCEDIMENTO

Il romanziere Frank Norris ha detto: “Non mi piace scrivere, ma aver scritto.” Questo potrebbe valere con la scrittura, ma non so se possa essere vero anche per la produzione di birra.

Brassare è un lavoro. Anche per quanto possa essere facile e semplice, è pur sempre un lavoro. Devi amare questo lavoro o non farai la birra ancora a lungo – semplicemente perchè è troppo facile al giorno d’oggi recuperare una buona birra.

Il “non piace preparare, ma l’averlo preparato” era una mentalità che probabilmente andava bene nel 1980, quando non c’era praticamente nessuna birra artigianale in giro, ma ora anche i bar negli angoli più remoti dove mi sono recato hanno un paio di birre artigianali locali.

Dai un’occhiata a quella foto in cima al post. E’ successo esattamente 24 ore fa in casa di un amico: il blow-off da quel Flextank era eccessivo, e sette dei 65 galloni sono finiti sul pavimento, sotto i tavoli, e hanno impregnato il tappeto della camera vicina.

Ora, non dico sia necessario che ti piaccia l’idea di pulire, ma devi essere almeno un minimo in grado di affrontare la situazione con un po’ di sarcasmo. Con le dovute proporzioni, deve piacerti l’atto di pulizia di un bollitore, la sfida di progettare un sistema di rubinetti e fori nelle pareti, il monitoraggio della temperatura di una tino di fermentazione e i drappeggi con gli asciugamani bagnati per ottenere un certo raffreddamento, e / o di una dozzina di altri piccoli dettagli che riguardano l’homebrewing.

Se queste cose non ti sono almeno neutrali, la soddisfazione dell’ “aver preparato” probabilmente non è sufficiente per farti andare avanti.

L’HOMEBREWING PROBABILMENTE NON TI FARÀ RISPARMIARE SOLDI

Il mio processo produce l’equivalente di due casse di bottiglie da 33cl. In cambio, spendo circa 18$ per gli ingredienti, 1$ di energia elettrica, e quattro ore del mio tempo (tra cui fare la birra, il controllarla e l’imbottigliarla).

Queste due casse mi sarebbero costate qualcosa come $ 40 l’una, quindi sono in vantaggio di 61$ , giusto?

Non proprio. In primo luogo, vale qualcosa il mio tempo. Anche a salario minimo, sarebbero $ 7.25 / ora, quindi  29$. Inoltre io lavoro abbastanza in fretta.  La maggior parte delle persone passa più di 5 ore a brassare, contro le tre ore che ci impiego io.

Poi ci sono i costi delle apparecchiature. Bollitore, cooler, tubi, bottiglie, tappi, fusti, detergenti, disinfettanti, sali, cucchiai – l’elenco potrebbe continuare.

A fine giornata, probabilmente, sei in pareggio. E non sono nemmeno sicuro che la maggior parte dei produttori di birra possa affermare lo stesso, però è possibile.

In più – paradossalmente – compro anche più birra, ora che la produco.

L’HOMEBREWING NON È COOL

…e anche se lo fosse, quelli che la pensano diversamente verrebbero fuori in massa per prenderti in giro. Potrebbero accusarti di essere un hipster, o di essere malato. Ne varrebbe la pena?

L’Homebrewing è un hobby abbastanza da nerd. E’ un mondo popolato, in gran parte, da scienziati e “amanti delle piccole cose” (peggior porno soft-core di SEMPRE).

Hai mai avuto una conversazione di due ore sulla geometria di un dispositivo di raffreddamento Coleman? L’avrai. E se il pensiero di ciò ti fa venire voglia di correre via dalla stanza urlando, allora forse puoi direttamente evitare quella stanza.

Suppongo tu possa preparare un paio di galloni di tanto in tanto per l’originalità di servire una bottiglia o due della tua birra, ma non credo che questo ti renderà più figo.

 

SE STAI ANCORA LEGGENDO …

Bene.

Ora che i dilettanti sono andati via, possiamo parlare.

Fai la birra perché ti piace creare – se è la cottura, la scienza, il problem-solving, o qualsiasi altra cosa. Non mi piace la pulizia delle pentole, ma non mi dispiace doverlo fare, perché so che alla fine della giornata avrò passato il mio tempo a fare qualcosa a modo mio. È divertente. E ne avrò ricavato birra.

Fai la birra perché ti innamorerai delle persone che si incontrano. La gente che incontri con la birra è il tuo genere di persone. E’ strano come molti di noi in questa comunità siano abbastanza introversi, ma allo stesso tempo gli homebrewer sono abbastanza sociali nel loro insieme. Certo, ci sono alcuni là fuori che fanno uso di questo hobby come di uno strumento per massacrare la gente con la superiorità della loro birra ( ciao, “aleholes” ), ma sono una minoranza. E ne avrai ricavato birra.

Fai la birra perché ti piace essere in contatto con una delle più antiche attività umane. La birra si produce da un lungo periodo di tempo (quasi da quando l’uomo ha iniziato a coltivare), e se hai una  passione per la storia e le tradizioni e ti piacerebbe continuare questa, ciò renderà sopportabili i piccoli fastidi. E ne avrai ricavato birra.

Infine, fai la birra perché lo vuoi. Ignora sostenitori e detrattori allo stesso modo, perché alla fine della giornata sarai tu quello che pulirà i sette litri di mosto fuoriuscito che vedi nell’immagine in alto.

Ignora i parenti e amici che ti chiedono di produrre birra per loro come se fossi il loro microbirrificio personale. Deve essere una gratificazione personale, e non per gli altri, perché altrimenti sarai solo risentito e irritato all’idea di fare la birra, pulire, imbottigliare, fare acquisti, trascinare, spostare…

Se ti piace farla per te, con tutto quello che comporta, falla per il matrimonio di tua cugina, per la riunione tra ex compagni di classe, per il pic-nic con i colleghi dell’ufficio.

Ma inizia con il farla per te.

E non preoccuparti se la tua birra non è molto buona all’inizio – ti aiuteremo con questo, e andrà meglio in pochissimo tempo.

Keep it simple.

JJW

 

 


2 commenti

Piero · 17 novembre 2016 alle 18:00

Uno degli articoli più belli e appassionati che abbia mai letto. Un immenso grazie per averlo postato.

Piero

    Matteo Iannone · 17 novembre 2016 alle 18:22

    Grazie Piero anche a te per averlo letto e compreso!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *